28 gennaio – Salvini International

salvini nel video di Miby

Finalmente Matteo Salvini è riuscito a conquistare un posto d’onore nel panorama artistico mondiale. L’immagine del leader della Lega Nord è stata inserita nel nuovo video di Moby. Il nuovo brano, tratto dall’album “These Systems Are Failing”, è stato commentato sul canale You Tube dallo stesso cantante: the racist & antiquated far right are encroaching upon democratic freedoms in almost every country in the western world. we need to respond by protesting, supporting progressives, and most important: VOTING (L’estrema destra razzista e antiquata sta togliendo le libertà democratiche in quasi ogni paese del mondo occidentale. Dobbiamo rispondere protestando, supportando i progressisti e, cosa più importante: votanto).
Un piccolo ruolo, in rigoroso stile bianco e nero, anche per vecchio Benito.
(via YouTube)

 

30 dicembre – Scrivere mail

 

In modo piuttosto reverenziale visito periodicamente il blog di Luisa Carrada, il mestiere di scrivere.
Lo faccio perché, conoscendo i miei limiti di scrittore, cerco di raccogliere spunti e indicazioni che possano aiutarmi ad essere più chiaro ed efficace. Non solo.
La lettura dei suoi articoli è piacevole ed i consigli sui libri da leggere sono sempre preziosi.
Per questo anche oggi, incuriosito dagli ibuk di Zandegù, ho acquistato “Scrivere email, costruire relazioni – tecniche per non finire nel cestino”.
Molti ragazzi considerano la mail una tecnologia ormai superata, io però non credo e questa mia convinzione è confortata dal flusso di dati che costantemente riempie la casella di posta elettronica che utilizzo al lavoro.
Riconsiderando le mie azioni conseguenti, forse il testo potrebbe risultare utile anche ai colleghi.

blog.mestierediscrivere.com

27 dicembre – Buon compleanno!

 

Il nuovo sito tematico sulle radio a trasistor Sony ha compiuto un anno.
Come forse ricorderete alla fine del 201a ho deciso di affiancare al sito del “Piera” un nuovo sito specializzato sulle radio a transistor Sony.
In questo caso ho abbandonato wordpress ed ho ripreso un vecchio template tradizionale in HTML.
Inoltre, visto lo sviluppo sempre maggiore dei dispositivi mobili, il nuovo sito sfrutta la funzionalità RWD (responsive web design) e si adatta alla visualizzazione su tablet e  cellulari.
Sicuramente non è un argomento per tutti ma (mi sono detto) in giro per il mondo forse qualche altro appassionato ci sarà.
Del resto anche il nome del sito non lascia dubbi www.radiosony.it

27 dicembre – Il GIF è morto, viva il GIF

 

Spesso il formato grafico GIF viene considerato obsoleto e periodicamente qualcuno si scomoda ad annunciarne l’imminente estinzione.
Visitando il sito  Zack Dougherty , creatore di questa foto, capirete che forse è ancora presto per pensare al funerale di un formato che ha nell’animazione il suo punto di forza.

 

14 settembre – Un piccolo capolavoro

 

 

L’idea non è nuova ma la realizzazione questa volta è semplicemente … stupefacente!
In poco più di quattro minuti con un timelapse perfetto Danielle si trasforma da bambina ad aziana signora.
A quanto pare dalle descrizioni riportate in rete il regista Anthony Cerniello per realizzare il filmato è partito da una serie di fotografie della ragazza e di alcuni suoi parenti con tratti somatici simili. Le immagini ad alta definizione dopo un processo di “adattamento” fotografico sono state poi eleborate con specifici software per creare l’animazione e il morphing (After Effects, 3D Studio Max e Nuke). Osservate il perfetto invecchiamento della pelle, l’assenza di qualsiasi artefatto nella sequenza, la sua semplicità. Che dire?
Un piccolo capolavoro.
 

15 febbraio – Strano paese l’Italia


Dopo il bombardamento di cifre e classifiche che sono state lanciate in campagna elettorale risulta quasi piacevole immergersi nelle pacate tabelle ISTAT dell’ultima ricerca svolta dall’istituto di statistica nazionale sulla situazione del nostro Paese.
Oltre all’infografica chiara e gradevole tra i dati ci sono anche delle sorprese.
In particolare ho trovato alquanto strano che, dopo tutto il clamore suscitato dal caso  ILVA,  Taranto sia tra le ultime province nella classifica del tasso di mortalità tumorale (73° posto Taranto contro il 37° di Bologna) e che, nonostante tutto, la percentuale di “morti ammazzati” in Italia  non solo sia al di sotto della media europea ma addirittura sia meno della metà di quella finlandese.

http://noi-italia.istat.it/